I principi della sostenibilità

Per Lidl Svizzera la sostenibilità è un atteggiamento di base. Siamo convinti che la sostenibilità e il nostro modello aziendale dello smart discount non si escludano a vicenda, ma poniamo la sostenibilità al centro del nostro sistema di valori aziendali.
Infatti, un altro dei nostri obiettivi è rendere possibile una spesa sostenibile a tutti i portafogli.

Visione

Noi crediamo che ognuno debba dare il proprio contributo per affrontare sfide importanti come il cambiamento climatico, la scarsità di risorse o lo sfruttamento dei lavoratori. In qualità di impresa di commercio al dettaglio, la nostra è una posizione chiave tra produttori, collaboratori e consumatori finali. Ecco perché ci assumiamo le nostre responsabilità e ci siamo posti l’obiettivo di diventare uno dei fornitori al dettaglio più sostenibili della Svizzera.

Con la nostra idea di «una spesa sostenibile con semplicità per tutti» diamo il nostro contributo, in qualità di commercianti per creare un mondo più sostenibile.

Principi ispiratori

Modèle de direI nostri principi aziendali, il modello di gestione e il Codice di Condotta stabiliscono che Lidl si deve assumere la responsabilità economica, sociale ed ecologica delle proprie azioni quotidiane.


L’obiettivo è quello di adempiere alla nostra responsabilità aziendale in vista di uno sviluppo sostenibile e di creare benefici concreti e valore aggiunto per i nostri gruppi di riferimento e per l’ambiente. Semplicità ed efficienza sono i nostri punti di forza e ci accompagnano quotidianamente nelle nostre attività.
tion

Codice di condotta, Modello di gestioneModello di gestione

Organizzazione

Per Lidl Svizzera la sostenibilità è una priorità assoluta ed è di competenza del direttore. La responsabilità generale spetta infatti al CEO di Lidl Svizzera. Le strategie, gli obiettivi e i provvedimenti sono approvati a livello gestionale. È lui il responsabile del reparto Sustainability e CSR, che si fa carico della gestione del settore della sostenibilità e del coordinamento del team CSR. Il team CSR è composto da dipendenti di vari reparti. I membri del team sono responsabili dell’attuazione operativa della strategia CSR di ogni reparto.

Il Modello di Responsabilità di Lidl

Il Modello di Responsabilità di Lidl offre un quadro di riferimento unitario per il sistema di gestione CSR. Si basa su una valutazione dell’impatto per stimare gli effetti ecologici e sociali reali di Lidl. Il modello offre un’ampia panoramica dei temi e la possibilità di valutare gli effetti di Lidl in termini di uno sviluppo sostenibile. Il modello è stato sviluppato da Lidl International e viene applicato dalle società nazionali di Lidl senza limitare la capacità di azione specifica del Paese. La struttura e la selezione dei temi del Modello di Responsabilità fanno capo a opere internazionali di riferimento (Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU, Patto mondiale dell’ONU), testi di legge, standard, rating, classifiche (Carbon Disclosure Project, Sustainability Accounting Standards Board, oekom research) nonché ai benchmark.

Dialogo con i portatori d’interesse e questioni importanti

Il tema della sostenibilità è variegato e l’attività commerciale di Lidl Svizzera si estende lungo tutta la catena di creazione del valore. Altrettanto importante è la focalizzazione sulle tematiche sostanziali al fine di ottenere un impatto mirato. Le nostre tematiche importanti sono state stabilite in ambito di un processo a tre livelli sulla base del Modello di Responsabilità di Lidl.

1. Analisi interna

In una prima fase, le tematiche CSR prescritte da Lidl International sono state valutate in termini di completezza e degli specifici requisiti nazionali in un’analisi interna con i responsabili CSR.

2. Convalida esterna

In ambito della seconda fase è avvenuta la convalida di questa stima interna da parte di stakeholder esterni.

3. Convalida finale

Nella terza e ultima fase, è avvenuta la convalida finale da parte della Direzione. A questo punto, la matrice di rilevanza elaborata, compresi i limiti delle tematiche, è stata discussa e approvata dalla Direzione. Il risultato comprende 16 tematiche che abbiamo identificato come fondamentali.

Obiettivi di sostenibilità

Da Lidl Svizzera, il tema della sostenibilità è profondamente radicato dal punto di vista sia istituzionale, sia culturale. Ma non siamo ancora arrivati alla fine del nostro cammino. Fedeli al nostro motto «chi smette di migliorarsi, smette di essere bravo», ci poniamo obiettivi concreti e misurabili, a breve e a lungo termine. In questo ci concentriamo sui settori con il maggiore impatto e ci orientiamo agli standard internazionali. Coinvolgendo esperti e stakeholder esterni, abbiamo definito obiettivi con cui diamo un contributo importante nell’affrontare le sfide globali della nostra epoca. Il livello di raggiungimento dei singoli obiettivi è verificato periodicamente da un Comitato di gestione della sostenibilità in seno alla direzione.

Un estratto dei nostri obiettivi di sostenibilità è disponibile nel grafico a destra. Tutti gli obiettivi di sostenibilità pubblici sono disponibili qui: Obiettivi di sostenibilità pubblici Lidl Svizzera.

UN Global Compact

In quanto parte del Gruppo Schwarz, nella primavera del 2020 Lidl Svizzera ha aderito al Patto mondiale delle Nazioni Unite, dichiarandosi così a favore dei principi di una gestione aziendale responsabile e sostenibile. Il Patto mondiale delle Nazioni Unite rappresenta una delle iniziative mondiali più grandi e importanti per una gestione aziendale responsabile. Il patto è costituito da dieci principi per la gestione aziendale responsabile nell'ambito dei diritti umani, delle norme del lavoro, dell'ambiente e della lotta alla corruzione. Noi intendiamo i dieci principi dell'Iniziativa delle Nazioni Unite come supporto integrativo per il nostro esteso impegno per l'uomo e l'ambiente, cresciuto nel corso degli anni.

I dieci principi dell'UNGC

* Le imprese dovrebbero sostenere e rispettare la protezione dei diritti umani proclamati a livello internazionale.
* Le imprese dovrebbero assicurarsi che non siano complici di violazioni dei diritti umani.
* Le imprese dovrebbero sostenere la libertà di associazione e l'effettivo riconoscimento del diritto alla contrattazione collettiva.
* Le imprese dovrebbero sostenere l'eliminazione di tutte le forme di lavoro forzato e obbligatorio.
* Le imprese dovrebbero sostenere l'effettiva abolizione del lavoro minorile.
* Le aziende dovrebbero sostenere l’eliminazione della discriminazione in materia di impiego e occupazione.
* Le imprese dovrebbero sostenere un approccio precauzionale alle sfide ambientali.
* Le aziende dovrebbero intraprendere iniziative per promuovere una maggiore responsabilità ambientale.
* Le aziende dovrebbero incoraggiare lo sviluppo e la diffusione di tecnologie rispettose dell'ambiente.
* Le imprese dovrebbero lavorare contro la corruzione in tutte le sue forme, comprese l'estorsione e la corruzione.